venerdì 21 giugno 2013

ANIMA MUNDI - I



ANTICHE LUNE

- Il bosco s’illuminava di fiaccole 
per la festa della Dea celtica Brigida, 
e per la festa di Beltane, e per la greca Diana. 
Camminavamo nella notte 
scandita dallo zufolo e i tamburelli, 
inneggiando all’antica Dea, 
al disco lunare che si frangeva in alto tra i rami scuri. 
Battevamo coi talloni nudi il suolo umido di brina. 
Di lontano rispondevano i cimbali 
e le sacerdotesse anziane col verso della civetta. 
La rugiada ci bagnava piedi e vesti 
e il profumo del bosco c'inebriava. 
Ci sentivamo creature del bosco e figlie della Dea, 
vicine al capriolo e al lupo e al mirto selvatico, 
Noi e la terra eravamo Uno.


“Se non mi immergo non muoio, ma nemmeno vivo”.
L'Anima Mundi, cioè l’Anima del mondo, sarebbe la Madre Natura nella sua totalità con il suo principio unificante, è la Monade, la Luna delle Lune da cui originano tutte le forme e prendono vita i singoli organismi. Platone fu tra i primi a parlare di “anima del mondo”, traendone il concetto da tradizioni orientali, orfiche e pitagoriche. Per il filosofo, il mondo è una specie di grande animale, la cui vitalità è data dall’anima.

ANIMA MUNDI
L'Anima Mundi fu spesso simboleggiata attraverso una spirale, qualcosa che partendo da un punto si estende e si dirama fino al massimo delle sue possibilità, facendo poi il cammino inverso fino a tornare al punto. E' il mistero dell'energia che si espande e si contrae, che dà vita e morte.

Dal medio evo in poi, il concetto è stato mistificato con il Logos, o Verbo, o intelligenza suprema della mente depurata dai condizionamenti, in realtà separazione tra mente e istinto, dove la mente fa da padrone.

A questa perfezione vagheggiata attinsero maghi, alchimisti, ermetici e astrologi, come corrispondenza tra eventi celesti ed eventi terreni, in quanto espressioni di un medesimo principio vitale.

Il concetto è affascinante, peccato che la mente non possiede il concetto del magico legato alla Terra, ma solo legato alla mente, per cui porta la gente fuori di testa.

"Da Schelling a Schopenhauer, da Bergson a Carl Jung, il concetto di anima del mondo si è ampliato, seguendo il parametro dell’Âtman o dell’Ego, cioè il principio del Sé individuale e interiore, così come, ancora oggi, avviene nelle religioni orientali e simboleggia l’unione del dualismo cosmico dello yin e dello yang, secondo una visione armonica ed organica dell’universo".

Ma in realtà quasi tutti gli autori hanno ignorato la forza dello spirito, pretendendo di dare la guida di tutto questo alla mente perfettamente padrona di se stessa. S. Freud avrebbe detto che il mondo aveva operato una profonda rimozione e la parte rimossa dell'umanità in realtà è il suo specchio, cioè la possibilità di guardare se stessa.

Tutto per esorcizzare la morte, quella morte che il saggio imperatore Marco Aurelio non temeva affermando che: "La morte sorride a tutti; un uomo non può far altro che sorriderle di rimando".
Diceva un professore universitario che gli uomini sono in genere subumani e che devono darsi da fare molto per diventare umani. Aveva ragione, il fatto è che nasciamo umani ma ce lo perdiamo per strada.

" SE NON MI IMMERGO NON MUOIO MA NEMMENO VIVO "



L'UMANITA' NON VEDE PIU' SE STESSA

Quando il matriarcato venne demolito e sostituito dal patriarcato, allo spirito si sostituì la mente, facendo cadere la coscienza del tutto. Ora solo la mente parla, e lo spirito tace.
Ci siamo venduti l'anima per la promessa fasulla e maligna di un'eternità dell'ego.
Di questo dobbiamo ringraziare soprattutto le religioni.

Naturalmente ogni tanto qualcuno si svegliava e cominciava a capire, non poteva gridarlo al mondo perchè l'avrebbero preso per pazzo, allora lasciava messaggi ermetici:


1) INTEGRA NATURAE SPECULUM ARTISQUE IMAGO
Il mago integra lo specchio e le arti della naura.
Dunque la Natura ha le sue ARTI e il suo Specchio.

2) VISITA INTERIORA TERRAE RECTIFICANDO INVENIES OCCULTAM LAPIDEM VERAM MEDICINAM (V.I.T.R.I.O.L.)

"Visita le terre interiori, correggendo trovi la pietra occulta vera medicina."

3) VILLAE IANUAM TRANANDO RECLUDENS IASON OBTINET LOCUPLES VELLUS MEDEAE 1680 » : 

« Oltrepassando la porta della villa, Giasone ottiene il ricco vello di Medea 1680 ».


CI SIAMO VENDUTI L'ANIMA LIBERA IN CAMBIO DI UNA PRIGIONE VUOTA CHE CI HANNO PROMESSO IMMORTALE.

Ma la mente è mortale e solo l'anima è immortale, e l'anima ce la siamo venduta ai Signori Della Mente Religiosa, gli Affaristi dell'Incetta di Anime, I Signori del Potere in abiti faraonici e chiese splendenti, e palazzi fastosi dai sotterranei traboccanti di tesori, e banche e università e scuole e alberghi e terreni e musei...




ADDA MARI -  KALI' - ASTARTE - LILITH - ISIDE NERA

- Signora segreta e occulta ai mortali,
- sei tu la tenebra oscura che gli uomini temono come la morte?
- Tu porti incubi notturni che i maschi fuggono di giorno e di notte,
- abbarbicandosi al sesso e al potere, chiamandoli poi
- "realizzazione sociale".

- Tu sei la Dea dalle braccia infinite che offre doni ai mortali
- che un tempo ti ringraziavano e chiedevano perdono alle creature
- che sopprimevano per il cibo.

- Ma oggi gli uomini non chiedono scusa a nessuno
- e il mattatoio è un macchinario crudele e terrifico,
- dove gli animali terrorizzati dal presentimento
- rantolano straziati di dolore e paura.

- Tu, luce e tenebra, sei tutto, madre e carnefice, soccorritrice e malvagia,
- Tu sei l'Anima Mundi, tu esisti, eppure nessuno sa chi tu sia.
- Tu sei l'albero della vita, ma le tue radici sono buie,
- Tu sei il Grande Drago Alato che nessuno può guardare negli occhi.

- Tu sei vita e morte, inizio e fine, ciclo e trasformazione.
- Tu sei l'Immortale, la femmina celeste e la femmina oscura.
- Tu sei la Porta degli Inferi dove Dante bugiardo non scese mai,
- Tu sei la Porta e la custode della Porta, affichè l'incauto
non si bruci nel fuoco della Verità.

Ma oggi nessuno conosce l'ANIMA MUNDI, oggi impera il SIGNORE DELLA MORTE, il cavaliere dorato fuori e vuoto dentro, ecco a voi l'IMPERATORE dei Tarocchi, il dominatore del mondo, ecco a voi:

LA MENTE UMANA, quella che ha soppiantato l'ANIMA MUNDI




Testo a cura di Marco Massignan e Piergiorgio Seveso

IMMAGINI E RIFLESSIONI PER LE ANIME SANTE DETENUTE NEL CARCERE DEL PURGATORIO


"Novembre è tradizionalmente il mese dedicato alle care anime che ancora giacciono tra le fiamme purificatrici del Purgatorio. Vi è più che mai la necessità di diffondere la devozione del Purgatorio e di pregare e suffragare (tramite le indulgenze, le sante messe e le opere pie) le anime che sono lì detenute dopo il Giudizio particolare (possono esserci anche i nostri parenti e amici che sono già morti) affinché possano presto raggiungere la gioia eterna del Paradiso. Cosa fare dunque e come farlo? Parlare sempre del Purgatorio, diffondere buoni libri sull’argomento e, soprattutto, pregare! Pregare, lucrare il maggior numero di indulgenze nei giorni prescritti, offrire le proprie opere buone, qualche fioretto, qualche sofferenza per le anime purganti, recitare spesso il “De profundis”, fare celebrare tante Messe (Cattoliche) in suffragio dei defunti. Mai come oggi, in cui il Modernismo ha tentato di cancellare l’esistenza stessa di quel regno ultramondano, bisogna pregare per i fedeli defunti."

INSOMMA PIU' SOFFRITE PIU' DIO E' CONTENTO E SI LIMITA NELL'ARROSTIRE LE ANIME COME CAPRETTI ALLO SPIEDO.



IL BUON DIO PADRE

Ma davvero questo Dio tanto misericordioso ci ficca in purgatorio a bruciare vivi tra le fiamme perchè abbiamo commesso dei peccati veniali? Ma se sono veniali, venia = perdono, sono perdonabili e allora perchè ci condanna a una pena così atroce?

Ma allora sarebbe anche giusto che, quando un vostro figlio vi disobbedisce, voi, nella vostra tenera indulgenza genitoriale, lo bruciaste qua e là con la sigaretta, lo tagliuzzaste un pochino, insomma un po' di tortura non farebbe male, se poi commette un peccato grave dovete accendergli un rogo, e sareste molto più misericordiosi di Dio, che li farebbe bruciare in eterno. Se fa tanto orrore a noi questo comportamento come mai non fa orrore a Dio che è tanto misericordioso e tanto migliore di noi?
Queste cose tutti le pensano ma nessuno le esprime per timore di uno zoot divino.

Chiesi a un prete come mai un Dio misericordioso poteva essere così crudele, e lui rispose che era molto raro che Dio mandasse qualcuno all'inferno. Gli risposi che allora io ero brava se ogni tanto ammazzavo un figlio disobbediente, mi guardò male e rispose: - Ma lei non è Dio.-
Obiettai ancora che Dio poteva allora essere crudele perchè potente, lui mi volse le spalle e sparì. Che mi abbia maledetto?

Ma LEI non è LUI, perchè l'albero della vita è lei, il lago profondo è lei, il buio della notte e la luce delle tenebre è lei, l'albero che ha le radici nell'invisibile mondo che dà vita all'alto albero è lei, e può vederla solo chi "porrà il cielo sotto i piedi e la terra nel cielo", per il miracolo di una cosa sola che la mente non può più dividere, come ben capirono gli alchimisti.

Esiste dunque un'ANIMA PERSONALE, ma pure un'ANIMA IMPERSONALE, che è il tramite tra noi e l'infinito, e che possiede la saggezza della Terra. Ed esiste poi L'ANIMA UMANA, che ci collega agli esseri umani, che è responsabile dei vari miracoli e fenomeni paranormali e che in genere scambiamo per Dio, la Madonna ecc., quello che gli ebrei chiamarono L'ADAM CADMON.

Per ultimo esiste anche  l'ANIMA MUNDI, la Matrice, la Mater, la MADRE DIVINA, UNA e TRINA: LEI E' LA MADRE, LA FIGLIA E LA SPOSA.

QUESTO E' IL MISTERO DA CAPIRE, L'ALTRO, QUELLO DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO E' UN COPIATICCIO.

"SE NON MI IMMERGO NON MUOIO, MA NEMMENO VIVO"





ARTICOLI CORRELATI



1 commenti:

janu on 20 novembre 2017 23:38 ha detto...

Giulia, ho scoperto questo scienziato che sta tentando di indagare la possibilità di un Universo Panpsichico, ovvero che l'Universo intero abbia una coscienza ( il Grande Spirito, ovvero la Grande Madre, Diana Myrionime, il "campo Akashico", il "tempo del sogno", lo Shan? )

https://www.researchgate.net/publication/309351132_Can_Panpsychism_Become_an_Observational_Science

Posta un commento

 

Copyright 2012 All Rights Reserved Matriarcato e Matriarchy