lunedì 4 maggio 2015

QUANDO LE DONNE SORRIDEVANO



KORE 530 A.C. (ATENE)

Perchè un tempo le Dee (e anche qualche Dio) sorridevano mentre oggi non sorride nessuno?

Dio è sempre corrucciato, Cristo ha poco da sorridere se non lo staccano dalla croce e la Madonna prega con gli occhi tristi, quando non piange o suda sangue.

Un tempo le donne sorridevano perchè erano apprezzate e rispettate.

DEA IONICA V SEC. A.C.
Oggi gli uomini si sono inventati di essere superiori alle donne, e per avvalorare l'idea le scoraggiano, le avviliscono, gli mettono i bastoni tra le ruote, le imbacuccano, le asservono, le maltrattano, le umiliano, le schiavizzano o le uccidono.

Ciè a cui non si rassegnano gli uomini è che la donna è madre e pertanto sa di potere dare, il che dona loro un valore aggiunto.

Saper amare rende una donna una certa coscienza del suo valore, perchè lei è quella che dà e lui è quello che prende.

Il fatto è che l'uomo si racconta una realtà diversa e si danna perchè lui ha tanto bisogno delle donne mentre le donne non hanno altrettanto bisogno degli uomini.

- Perchè un uomo chiude a chiave la moglie dentro casa?
- Perchè la veste come una monaca?
- Perchè arriva al punto da metterle il burca?
- Perchè la infibula in modo da impedirle di provare piacere?

La risposta è una sola: ha paura che lei lo tradisca.

E perchè ha paura che lei lo tradisca?

- Perchè teme di non poterla soddisfare sessualmente?
- Perchè teme di essere brutto?
- Perchè teme di essere poco interessante?

E' logico che ciò non può essere vero, almeno non per tutti e non per tutto. La verità è che lui non si sente uomo perchè si sente un bambino e fa di tutto per nasconderlo.

La verità che brucia agli uomini è:


1) LA DONNA E' INTELLIGENTE QUANTO UN UOMO E, NEI CAMPI CHE RIGUARDANO LA PSICHE, ANCHE DI PIU'.

Lo sappiamo che i posti di maggiore prestigio o responsabilità vengono dati agli uomini anche se spesso le donne sono più brave e affidabili. Questo accade anche nei lavori di meno prestigio.

Ad esempio in genere nei ristoranti le mansioni di cuochi vengono date ai maschi, ma non perchè siano più bravi, ma perchè è una consuetudine e se non si rispetta suscita reazioni nei lavoranti maschi.

Ma anche nella chirurgia, branca di lavoro ancora sequestrata dai maschi. Mi raccontava una dottoressa che negli ospedali, reparto chirurgia, una donna poteva operare solo a patto che tutti i chirurghi maschi avessero già operato in quel giorno, ed era una grazia se le concedevano di operare ogni tanto.

L'uomo è terrorizzato dalla parità dei ruoli, perchè teme di non avere più stima presso le donne. Se non è superiore lei può andarsene, ovvero può accorgersi che lui è un bambino.


2) L'UOMO DIPENDE DALLA DONNA MOLTO DI PIU' DI QUANTO LE DONNE DIPENDANO DAGLI UOMINI.

Basta guardare come reagiscono nella vedovanza. Gli uomini cercano subito di rifare coppia, le donne ci pensano su, perchè temono la fregatura. Gli uomini cercano donne che si prendano cura di loro, le donne si prendono cura di se stesse.

Spesso da vedove le donne rifioriscono, si fanno amicizie, frequentano luoghi di ritrovo, fanno viaggi, si interessano di arte, vanno a teatro, nei musei, ai concerti, e organizzano cene a casa loro dove invitano gli amici. Gli uomini lo fanno molto meno.


3) LE DONNE SENTONO LA MATERNITA' CENTO VOLTE DI PIU' DI QUANTO GLI UOMINI SENTANO LA PATERNITA'.

Se fosse per gli uomini i bambini nascerebbero si, ma crescerebbero abbandonati a se stessi, perchè i padri non amano curarsi dei figli.

Si ricordano di loro solo se sono maschi e possono insegnargli a essere tifosi del pallone, questa è la stragrande maggioranza, del resto:

- hanno il terrore delle relazioni affettive in famiglia,

- hanno il terrore di abbracciare i figli,

- hanno il terrore di ascoltare le sofferenze dei figli.

- e pure le sofferenze della moglie,

- e pure le sofferenze degli amici,

per forza, non ascoltano le proprie.

Inoltre sono seccatissimi di doversi per forza occupare dei figli ad esempio quando sono separati.

Di solito li portano dai loro genitori, oppure portano con sè un'altra donna, senza tene conto che per i figli può essere un grande dolore veder soppiantata la propria madre.

Un padre mi disse: - Si vede che non mi vogliono bene, altrimenti vorrebbero vedermi felice. -

Il che dimostra che a volte i padri sono figli dei propri figli anzichè padri.



4) LA DONNA SI PREOCCUPA DEGLI ALTRI MOLTO PIU' DI QUANTO SE NE PREOCCUPI
UN UOMO.

La donna ha più dell'uomo il senso della comunità. L'uomo nella comunità cerca anzitutto il suo ruolo sociale.
Per la donna un ruolo sociale è un carico che assolve più o meno volentieri.

Per un uomo un ruolo sociale è un potere.

E' vero che oggi vediamo nella politica e nell'industria donne che si comportano come uomini, ma è anche vero che a delle vere donne gli uomini non consentirebbero dei posti di potere.

Se fare la guerra fosse una decisione che dovessero prendere le donne, le guerre non si farebbero. perchè gli uomini che vanno in guerra sarebbero loro figli.

Per i padri i figli che vanno in guerra possono fare carriera.

Non a caso i nobili hanno sempre mandato in guerra i loro figli, dagli antichi romani ai cosacchi russi.

La donna ha il senso del sacrificio per la comunità, in quanto ha il senso del sacrificio per i figli, e pure per il benessere della famiglia.

L'uomo per la famiglia lavora e può lavorare molto, ma non si dedica direttamente, delega la parte accudente e affettiva alla moglie.

Quando abbandona il lavoro in vecchiaia la situazione non migliora. Addirittura se un figlio telefona deve rispondere la moglie, è lei l'addetta ai contatti, e se per caso alla chiamata dei un figlio risponde lui, la frase classica è: - Aspetta che ti passo tua madre. -


5) LA DONNA RIESCE A CAPIRE COSA SENTONO GLI ALTRI MOLTO PIU' DI QUANTO CI CAPISCA UN UOMO.

Gli uomini non capiscono le donne perchè, secondo il luogo comune le donne sono difficili da capire: sono emotive, volubili, illogiche, umorali, irrazionali.

Tutto questo per non ammettere che gli uomini non le capiscono e basta.

Le donne sono anima e l'anima è fatta di sensazioni e di emozioni, non è un a invisibile nuvoletta che fluttua chissà dove.

Le donne capiscono che una persona possa soffrire dentro e che sia quasi impossibile aiutare chi soffre, però sanno che si può stare accanto a chi soffre, e che questo è già un aiuto.

Le donne sentono la sofferenza degli uomini e degli animali, e se ne commuovono, e gli uomini scuotono il capo per ciò che loro considerano fragilità.

Non sono le emozioni che rendono fragili ma la paura delle emozioni. Gli uomini hanno paura delle emozioni perchè temono di non poterle reggere. Non sanno che per reggere le emozioni occorre conoscerle.


6) LE DONNE HANNO IL SENSO RELIGIOSO MOLTO PIU' SVILUPPATO DI QUANTO LO ABBIANO GLI UOMINI.

La religione per le donne non è l'obbedienza agli Dei ma il benessere della comunità all'esterno e l'interesse per la verità all'interno. La religione delle donne è basata sul sentire, quella degli uomini è basata sull'obbedire. Le donne la loro religione la scoprono dentro, gli uomini l'hanno appresa da altri che l'hanno appresa da altri che.....


7) LE DONNE HANNO MOLTO MENO PAURA DELLA MALATTIA E DELLA MORTE DI QUANTO NE ABBIANO GLI UOMINI.

Le donne badano ai figli anche se hanno la febbre e sino malate, gli uomini si gettano terrorizzati e petulanti sul letto in attesa di essere curati.

Sono le donne che curano i figli, o gli animali, o i disabili, o le piante, per gli uomini è più raro.

Sono le donne che assistono i moribondi, che se ne prendono cura dopo la morte lavandoli e vestendoli.


8) CIO' SU CUI SI POGGIA L'UOMO SONO LE REGOLE, CIO' SU CUI SI POGGIA LA DONNA E' L'ANIMA.

Questa è la sintesi, che era la norma nel matriarcato, che oggi appartiene alle donne che si liberano dalle definizioni dei maschi e riscoprono se stesse. L'anima, si sa, è donna.




ARTICOLI CORRELATI



0 commenti:

Posta un commento

 

Copyright 2012 All Rights Reserved Matriarcato e Matriarchy