lunedì 17 ottobre 2016

L'IM - POTENZA SESSUALE



ODIO E AMORE

C'è una malsana invidia per la capacità lussuriosa e procreativa delle donne. I maschi insorgono: perchè noi non siamo potenti nella sessualità e non siamo in grado di creare vita come una donna?

Eh già, l'uomo vuole essere potente nella sessualità proprio perchè non lo è, della donna si dice che è frigida dell'uomo che è impotente. Come mai non si usa lo stesso termine? La donna ha molto più potere sessuale dell'uomo, ecco qua:



TIRESIA

Il mito racconta che, passeggiando sul monte Cillene (o forse Citerone), Tiresia vide due serpenti che copulavano, e ne uccise la femmina perché quella scena lo infastidì. Accidenti che bontà di cuore, doveva copulare solo lui in tutta la Terra?

Nello stesso momento Tiresia fu tramutato da uomo a donna. Visse in questa condizione per sette anni provando tutti i piaceri che una donna potesse provare. (gli è andata bene, perchè i greci le donne le trattavano come scarpe vecchie). Passato questo periodo venne a trovarsi di fronte alla stessa scena dei serpenti. Questa volta uccise il serpente maschio e nello stesso istante ritornò uomo. Che significa,  che se uccide senza motivo viene premiato?

Un giorno Zeus ed Era si trovarono divisi da una controversia: chi potesse provare in amore più piacere: l'uomo o la donna. Non riuscendo a giungere a una conclusione, poiché Zeus sosteneva che fosse la donna mentre Era sosteneva che fosse l'uomo, decisero di chiamare in causa Tiresia, considerato l'unico che avrebbe potuto risolvere la disputa essendo stato sia uomo sia donna. 

Interpellato dagli Dei, rispose che il piacere sessuale si compone di dieci parti: l'uomo ne prova solo una e la donna nove, quindi una donna prova un piacere nove volte più grande di quello di un uomo.

La Dea Era, infuriata perché l'indovino aveva svelato un tale segreto, lo fece diventare cieco, ma Zeus, per ricompensarlo del danno subito, gli diede la facoltà di prevedere il futuro e il dono di vivere per sette generazioni - gli Dei greci, infatti, non possono cancellare ciò che han fatto o deciso altri Dei -.

GIUNONE

IL SEGRETO

E perchè mai Era, ovvero Hera, ovvero Giunone, riteneva la cosa un segreto? Forse perchè se le donne provano piacere gli uomini gli tagliano la clitoride e gli cuciono la vagina? Gli arabi l'hanno fatto e il mondo tace, se l'avessero fatto ai maschi di tagliargli un pezzo di pene sarebbe stata guerra.

Eh già, gli uomini si identificano in quel pezzo di carne, e pensano che questo gli dia un potere sulle donne, non c'è da stupirsi, Freud ci costruì l'invidia del pene, e non capì che le donne invidiavano la libertà dei maschi, di avere il ciondolo non se lo sognano neppure, tanto più che la patata attira molto più del ciondolo.

Un recente studio americano ha stabilito che le donne strettamente etero non esistono. o sono gay o sono bisessuali. Ma va? Ci voleva lo studio americano per capirlo, basta guardarle, le donne si abbracciano, si baciano, si pettinano e massaggiano l'un l'altra, bisogna essere ciechi per non vederlo!

Però dovrebbero fare l'esperimento sui maschi, strano che non l'abbiano fatto... forse temevano di scoprire qualcosa di analogo... perchè i maschi hanno il terrore di scoprire cose del genere, perchè perderebbero, pensano loro, il diritto di comandare in base a un pezzo pendulo di carne. Beh, il ciondolo, tranne quando si fa sesso, è, diciamocelo, perennemente pendulo, di potere ne ha ben poco.

I maschi associano il ciondolo al potere, e il sesso al potere, per cui, tranne eccezioni, non amano affatto le donne, perchè non le vedono proprio. Però diamo a Cesare: nemmeno le donne vedono i maschi, perchè nella maggior parte dei casi li vedono come una protezione ... dai maschi.

GIUNONE E GIOVE (madre e figlio)


IL PARTNER PADRE E LA PARTNER MADRE

Il nodo sta qua, in genere la donna vede nel proprio partner il padre potente, mentre l'uomo vede nella partner la madre amorosa. Il padre potente è quello che può difenderla dalla prepotenza dei maschi, ma la madre amorosa è quella che lo amerà sempre, come un  figlio, comunque lui sia o faccia.

Il legame, ovvero la proiezione del legame sarà tanto più forte quanto più forti sono state le carenze, di protezione e di affetto. 

Tanto è vero che i figli sono in genere più attaccati ai genitori che li hanno poco amati che non i figli che sono stati amati.

Ciò dipende dal fatto che i figli poco amati e rispettati si illudono che un giorno, se loro saranno più bravi, i genitori sapranno amarli. non sanno che i genitori veri amano i figli comunque siano, se non li amano significa semplicemente che non sanno amare e quindi non hanno amato, non amano e non ameranno nessuno.



POTENZA E IMPOTENZA

Pertanto l'impotenza del maschio dipende da come è stato trattato da bambino, sia dal padre che dalla madre. Se è stato fortemente maltrattato diventerà impotente oppure, se emula il genitore carnefice, potente e carnefice a sua volta.

Per essere sessualmente potente si deve avere il coraggio di ergersi di fronte alla donna, ma siccome la donna è l'anima, occorre aver coraggio di ergersi di fronte ai sentimenti, per cui di non chiuderli. 

Però i sentimenti vengono chiusi quando sono troppo dolorosi, per cui l'impotenza è una difesa. L'eiaculazione precoce è una via di mezzo, mi ergo ma per poco, me ne vengo subito così finisce. C'è poco da fare, il sesso toglie la mente e le difese della mente, per cui si rischia di sentire tutti i dolori interni.

Però il maschio ha tappato tutto identificandosi nel più forte. Avviene così fin dall'infanzia, spesso il bambino più fragile a scuola viene deriso e attaccato. Il maschio non deve piangere, non deve soffrire, però può far piangere e può far soffrire. Così il maschio maltrattato dal padre spesso lo copia e riproduce i maltrattamenti sulla moglie o sulle donne in genere.




LA DIPENDENZA MASCHILE

Alle donne si rimprovera o si fa credere che sono molto dipendenti dall'uomo, così le donne ignorano che gli uomini sono molto più dipendenti di loro. Ne fa prova il femminicidio, gli uomini abbandonati sovente uccidono chi li abbandona, e talvolta si suicidano pure. Non possono vivere l'abbandono della mamma. Perchè la donna per l'uomo è la mamma, come per la donna l'uomo è il papà. 

Bisogna ammettere però che la mamma è per il piccolo molto ma molto più importante del papà. La mamma ci nutre fin da subito, ci cura, ci lava, ci veste, ci cucina, ci imbocca, si preoccupa per noi, ci segue e ci ascolta. I padri sono per lo più assenti. Se l'umanità venisse allevata dai padri sarebbe estinta da tempo.

Però l'uomo si illude di non rimpiangere la mamma, di non averne bisogno, ma siccome il bisogno c'è, per non avvertirlo imprigiona e lega la donna in infiniti modi. Le impedisce di uscire, di studiare, di lavorare, così può raccontarle tutte le balle che vuole e lei, totalmente condizionata, ormai ci crede.

Qualcuna si sveglia, si sceglie un partner che la adora, o diventa lesbica, o vive da sola. La prima soluzione è più rara.




ARTICOLI CORRELATI



0 commenti:

Posta un commento

 

Copyright 2012 All Rights Reserved Matriarcato e Matriarchy